Sperendu...: Una forma educata à a fine di un email prufessiunale per piglià cura

E formule educate sò abbastanza cunnisciute in u campu amministrativu è in u mondu prufessiunale. In ogni casu, qualchì volta pensemu chì avemu a formula ghjusta è l'utilicemu in tutti questi emails prufessiunali, salvu chì cuntene qualchì errore di sintassi. Quessi sò spargugliati è s'ellu ùn simu attenti, risicate di discredità u mittente. Truverete in issu articulu, u dirittu usu à esse fattu di u salutu "Sperendu...". Cusì eviterete pagà u prezzu per un usu goffo.

A frasa educata "Sperendu ...": Evite cuntradizioni

Per cuncludi un email prufessiunale, assai persone utilizanu parechje formule educate cum'è: "Speru di sente da voi, per piacè accettà l'espressione di a mo profonda gratitùdine" o "In a speranza chì a mo applicazione vi tinterà a vostra attenzione, riceve l'espressione di u mo più. saluti distinti".

Quessi sò espressioni difettosi di educazione chì anu da esse intruduciutu in unu di i vostri emails prufessiunali.

Perchè sò queste formulazioni sbagliate?

Cumincendu a vostra formula educata à a fine di l'email cù "Sperendu ...", vi ricorrerete à una affissazione. Cusì, in cunfurmità cù e regule di sintassi di a lingua francese, hè u sughjettu chì deve seguità u gruppu di parolle appiccicate. Ogni altru modu di prucede hè sbagliatu.

CANTA  Optate per formule educate chì combinanu impegnu è prufessionalità

Infatti, quandu dite "Sperendu à sente da voi, per piacè accettà ...", l'appusizione ùn hè micca ligata à alcun sughjettu. È s'ellu ci vole à circà unu, prubabilmente pensemu à u currispundente. Chì hè un pocu contradictoriu.

Questu hè spiegatu da u fattu chì una formulazione cusì educata porta à crede chì hè u currispundente o u receptore chì aspetta o in a speranza di avè nutizie, chì hè contru à u sensu.

Chì ghjè a formula più adatta?

Piuttostu, a frasa educata curretta hè: "Sperendu à sente da voi, per piacè accettà l'espressione di a mo profonda gratitùdine" o "In a speranza chì a mo applicazione hà da tene a vostra attenzione, per piacè. Per riceve l'espressione di i mo saluti più distinti ".

Inoltre, per cuncludi un email prufessiunale, ci sò altri sbaglii per evitari. Quandu si usa u verbu, pricà in a prima persona singulari, scrivite "Ti pregu" è micca "Ti pigliu". Stu ultimu gruppu verbale hè in relazione cù u verbu « Piglia » chì ùn hà nunda di fà cù sta frasa educata.

A cunniscenza di sti sfumature di ortografia è di certi reguli di sintassi hè essenziale, in particulare in u mondu prufessiunale. Errori cum'è questi truvati in una lettera pò esse fatale è travaglià contru à voi. Cume in una relazione di cliente o fornitore.