Il dipendente invia al suo datore di lavoro una richiesta di ferie nell'ambito di un PTP al più tardi 120 giorni prima dell'inizio dell'azione formativa quando essa comporti un'interruzione continuativa del lavoro di almeno sei mesi. In caso contrario, tale richiesta dovrà essere inviata entro e non oltre 60 giorni prima dell'inizio dell'azione formativa.

Il beneficio del congedo richiesto non può essere rifiutato dal datore di lavoro solo in caso di mancato rispetto da parte del dipendente delle condizioni sopra indicate. Tuttavia, può essere imposto un rinvio del congedo in caso di conseguenze dannose per la produzione e il funzionamento dell'azienda, o se la percentuale di dipendenti contemporaneamente assenti in base a questo congedo rappresenta più del 2% della forza lavoro totale dello stabilimento.

In tale contesto, la durata del congedo di transizione professionale, assimilato ad un periodo di lavoro, non può essere ridotta rispetto alla durata del congedo annuale. Si tiene conto nel calcolo dell'anzianità di lavoro del dipendente all'interno dell'azienda.

Il dipendente è soggetto all'obbligo di frequenza nell'ambito del proprio percorso formativo. Fornisce al suo datore di lavoro la prova della presenza. Un dipendente che, senza motivo

Continua a leggere l'articolo sul sito originale →

LEGGI  Sviluppo personale: fiorente grazie alle lingue straniere