Qualsiasi infortunio sul lavoro che si verifica durante il processo vigilato è coperto dal fondo di assicurazione sanitaria primaria o dal fondo generale di previdenza sociale, a seconda dei casi. Pertanto, in questo contesto, il contributo è a carico della CPAM o del CGSS. Il contributo è fisso ed equivalente al contributo previsto per i tirocinanti in formazione professionale.

La dichiarazione di infortunio sul lavoro è compilata dall'azienda presso la quale viene svolto il collaudo supervisionato. Il codice di rischio inserito dall'azienda deve essere il seguente codice di rischio: 85.3 ettari.

Continua a leggere l'articolo sul sito originale →

LEGGI  Persone vulnerabili: supporto per attività parziale