Responsabile di un negozio, ho notato tramite videosorveglianza che uno dei miei dipendenti utilizza gli scaffali senza pagare quello che prende. Voglio licenziarlo a causa dei suoi furti. Posso utilizzare le immagini della telecamera di sorveglianza come prova?

Videosorveglianza: garantire la sicurezza della proprietà e dei locali non richiede informazioni sui dipendenti

In una causa sottoposta all'accertamento della Corte di Cassazione, una dipendente assunta come cassiera commessa in un negozio ha contestato l'utilizzo di registrazioni di videosorveglianza, che fornivano la prova di aver commesso un furto all'interno del negozio. Secondo lei, il datore di lavoro che istituisce un dispositivo di controllo per la messa in sicurezza di un negozio deve giustificare tale finalità esclusiva per rinunciare a consultare il CSE sull'attuazione del dispositivo, in mancanza del quale il CSE deve essere consultato e i dipendenti informati della sua esistenza.

L'Alta Corte ha ritenuto che il sistema di videosorveglianza che era stato installato per garantire la sicurezza del negozio, non registrava le attività dei dipendenti presso una specifica postazione di lavoro e non era stato utilizzato per monitorare la persona interessata nel punto vendita. . Quella…

Continua a leggere l'articolo sul sito originale →

LEGGI  Pausa sigaretta: istruzioni per l'uso