Colloquio professionale: un colloquio separato dal colloquio di valutazione

Tutte le aziende devono organizzare colloqui professionali con tutti i loro dipendenti, indipendentemente dalla loro forza lavoro.

Questa intervista si concentra sul dipendente e sul suo percorso professionale. Consente di supportarlo al meglio nelle sue prospettive di sviluppo professionale (cambio di posizione, promozione, ecc.), e di individuare le sue esigenze formative.

In linea di principio, il colloquio professionale deve essere effettuato ogni 2 anni dopo l'ingresso in azienda. Al termine dei 6 anni di presenza, questo colloquio consente di fare un inventario sintetico della carriera professionale del dipendente.

Viene inoltre offerto un colloquio professionale ai dipendenti che riprendono l'attività dopo determinate assenze.

No, non puoi procedere con la valutazione del lavoro del dipendente durante questo colloquio professionale.

La valutazione professionale, infatti, viene effettuata durante un colloquio separato durante il quale si redigono i risultati dell'anno passato (missioni e attività svolte rispetto agli obiettivi prefissati, difficoltà incontrate, punti da migliorare, ecc.). Hai fissato gli obiettivi per il prossimo anno.

Il colloquio di valutazione è facoltativo a differenza del colloquio professionale.

Puoi, tuttavia, condurre queste due interviste consecutivamente, ma entro ...

Continua a leggere l'articolo sul sito originale →

LEGGI  Assicurazione contro la disoccupazione: la riforma entra in vigore il 1 luglio 2021