Fino alla fine, senatori e deputati sono rimasti divisi sul disegno di legge che autorizza la proroga dello stato di emergenza sanitaria. Il 30 ottobre, la commissione mista fallì, il Senato criticò l'Assemblea nazionale per non aver dato al Parlamento i mezzi per controllare l'esercizio dei poteri eccezionali del governo. Avevano infatti ridotto la fine dell'emergenza stato di salute al 31 gennaio 2021 e rimosso l'estensione del regime di uscita transitoria in modo che il Parlamento potesse decidere dopo tre mesi dall'applicazione dello stato di emergenza. sanitario. Infine, i deputati - che hanno l'ultima parola - dovevano votare in nuova lettura, il 3 novembre, per una proroga dello stato di emergenza sanitaria fino al 16 febbraio 2021 seguito da un regime transitorio fino al 1 aprile 2021 , che adegua quello che era stato istituito l'11 luglio, al termine dello stato di emergenza sanitaria. Il testo estende nella stessa misura i sistemi informativi implementati per combattere l'epidemia, ovvero il sistema informativo di screening nazionale (SI-DEP), che centralizza tutti i risultati dei test effettuati. e Contact Covid, sviluppato dall'assicurazione sanitaria per garantire il follow-up dei pazienti e dei loro casi di contatto. La fattura autorizza

Continua a leggere l'articolo sul sito originale →

LEGGI  I fondamenti della gestione del progetto: budget