Tali risorse saranno quindi destinate a coloro che si occupano di turismo associativo e familiare la cui vocazione è quella di favorire l'integrazione delle popolazioni vulnerabili e il loro accesso alle vacanze, nonché il mantenimento dell'attività in aree particolarmente rurali.

Secondo il Ministero dell'Economia, il Fondo TSI “estenderà i propri interventi attraverso partecipazioni in società di associazione, per definizione senza azionisti. Può intervenire nel finanziamento delle infrastrutture immobiliari e, caso per caso, sostenere gli investimenti in esercizio ”.

Per la cronaca per essere ammissibili al fondo TSI, gli operatori non devono disporre di capitale proprio sufficiente per convincere le banche partner a fornire prestiti aggiuntivi. Devono inoltre accettare di impegnarsi in accordi che organizzano la differenziazione tra proprietà immobiliare e gestione.

Continua a leggere l'articolo sul sito originale →

LEGGI  Contratti collettivi: il datore di lavoro deve dimostrare di aver ben organizzato il monitoraggio del carico di lavoro dei suoi dipendenti in pacchetti di giorni