Il conto formazione personale è uno degli ultimi sistemi introdotti nell'ambito della riforma della formazione professionale 2014, attuata il 1er Gennaio 2015. Il CPF è utilizzato per finanziare azioni di formazione continua per dipendenti e persone in cerca di lavoro in attività formali indipendenti. Maggiori dettagli in questo articolo.

Definizione dell'account di formazione personale

L'account di formazione personale o CPF è un sistema regolato dalla legge. Ti permetterà di beneficiare dei diritti di formazione. Mira quindi a rafforzare le tue capacità, mantenere la tua occupabilità e garantire la tua carriera professionale.

Va notato che un titolare in pensione può ancora finanziare il suo CPF a condizione che faccia valere tutti i suoi diritti di pensionamento. Dovrebbe essere un'attività di volontariato.

Si noti che l'account di allenamento personale ha sostituito il Diritto di allenamento individuale o DIF, da 1er Gennaio 2015. Le restanti ore DIF non consumate possono essere trasferite al CPF.

Tutti i dipendenti che hanno ancora un residuo di ore DIF hanno un periodo fino al 31 dicembre 2020 per fare una dichiarazione sul loro caso. In questo modo possono mantenere i loro diritti e continuare a goderne senza interruzioni o limiti di tempo. Nel nuovo funzionamento del CPF, le ore DIF verranno automaticamente convertite in euro.

LEGGI  Sistema sanitario francese: protezioni, costi, sostegno

Beneficiari del conto di formazione personale

L'account di formazione personale è destinato a persone di età superiore a 16 anni. Anche i quindicenni possono essere colpiti a condizione che abbiano firmato un contratto di apprendistato.

Come promemoria, dalla data in cui si rivendicano i diritti alla pensione. Il tuo account di allenamento personale verrà chiuso. Questa specificità è valida per tutti i dichiaranti, che possono essere dipendenti, membri di una professione liberale o autonoma, coniugi che sono collaboratori o in cerca di lavoro.

I lavoratori autonomi possono anche avere un account di formazione personale, dal 1er Gennaio 2018. Il loro CPF viene fornito durante il primo semestre dell'anno 2020.

Consulta il tuo account di formazione personale: cosa fare?

Per consultare il proprio account di formazione personale, il titolare deve solo visitare il sito Web ufficiale moncompteformation.gouv.fr. Ha uno spazio personale sicuro in cui può identificarsi per accedere al suo account.

Inoltre, questo sito fornisce informazioni sulla formazione ammissibile per la CPF e sui finanziamenti ad essa assegnati. Il titolare troverà anche tutte le informazioni dettagliate su di lui, incluso il credito in euro disponibile sul suo conto. Infine, avrà accesso ai servizi digitali relativi alla capitalizzazione delle competenze e all'orientamento professionale.

Conto di formazione personale: come finanziarlo?

Si noti che ogni titolare ha un conto accreditato in euro e non più in ore, dal 1er Gennaio 2019. È quindi richiesto un report di conversione per le ore acquisite e non consumate prima di tale data. Pertanto, la valutazione è stimata in 15 euro l'ora.

LEGGI  Indennità e maternità

Inoltre, una persona può registrarsi per il credito in euro nel primo trimestre successivo all'anno di acquisizione. Ad esempio, può farlo durante i primi tre mesi del 2019 per la sua attività svolta nel 2018.

Utilizzo di un account di formazione personale

Qualunque sia la tua situazione. Sia che tu lavori o cerchi un lavoro, i tuoi diritti acquisiti sono registrati in euro. Solo tu puoi fare una richiesta per mobilitarli, e questo, in base alle tue esigenze di formazione professionale. In effetti, questi diritti di formazione possono essere utilizzati solo con il consenso esplicito del titolare.

Per i dipendenti

Per quanto riguarda in particolare i dipendenti, hai tutto il diritto di non utilizzare il tuo credito in euro. Non è una cattiva condotta professionale. Tuttavia, se hai uno dei tuoi corsi di formazione finanziati dal CPF. E che questa formazione si svolge durante l'orario di lavoro. Devi ottenere l'autorizzazione dal tuo datore di lavoro.

La richiesta deve essere inviata almeno 60 giorni prima della data di inizio della formazione. Se la durata della sessione supera i 6 mesi, deve essere rispettato un periodo minimo di 120 giorni. Il datore di lavoro ha quindi 30 giorni per studiare la situazione e dare seguito alla richiesta del suo dipendente. Questa autorizzazione speciale non è richiesta per la formazione al di fuori del normale orario di lavoro.

Per chi cerca lavoro

Le persone in cerca di lavoro accedono anche all'account di formazione personale. Devono solo contattare il loro consulente di lavoro Pôle. La loro formazione può essere finanziata dalla Regione, da Agefiph o dall'Associazione per la gestione del fondo per l'integrazione delle persone disabili, o anche da Pôle emploi. L'account della persona in cerca di lavoro verrà addebitato in base all'azione di formazione svolta. Tuttavia, l'importo non può andare oltre i diritti registrati sul suo CPF.

LEGGI  Su quali documenti trovi il numero della tua azienda?

Per funzionari pubblici

I funzionari pubblici devono richiedere una formazione speciale. Durante o al di fuori del normale orario di lavoro. Qualsiasi richiesta di questo tipo è sempre accettata purché siano soddisfatte le condizioni stabilite e il datore di lavoro disponga dei mezzi finanziari necessari. Inoltre, un agente che presenta questa richiesta avrà la possibilità di beneficiare di un supporto personalizzato per aiutarlo a sviluppare e raggiungere le sue ambizioni professionali.

Corsi di formazione ammissibili al CPF

Esistono diversi tipi di formazione idonei per l'account del formatore. La valutazione delle competenze, azioni intese a convalidare l'esperienza acquisita stipulata in 3° dell'articolo L.6313-1, e ne fanno parte la preparazione della prova teorica del Codice della Strada e la prova pratica della patente B e di quella del mezzo pesante.

Sono inoltre previste azioni di formazione rivolte a creatori di impresa e candidati nonché formazione all'estero alle condizioni previste dall'articolo L. 6323-6 del Codice del lavoro.