Dettagli sull'impianto nel 2022→

Nel 2021 sono state prese nuove misure per quanto riguarda il controllo del potere d'acquisto, meglio conosciuto come il controllo alimentare. Dallo scorso settembre, questo assegno alimentare è stato dato alle famiglie bisognose.

Il buono pasto è un aiuto erogato dallo Stato famiglie con minimi sociali (circa 9 milioni di persone) al fine di proteggere il proprio potere d'acquisto. Queste le principali misure adottate dal governo.

che cosa verifica del potere d'acquisto ? Qual è il suo importo? A chi viene pagato? Vi spieghiamo tutto questo in questo articolo.

Cos'è il controllo del potere d'acquisto?

Le famiglie francesi più modeste (4 milioni di famiglie) si sono trovate in difficoltà quest'anno, e per una buona ragione, l'inflazione del 5,5% che c'è stata. Per aiutarli, lo Stato ha annunciato che sta erogando a queste famiglie nuovi aiuti finanziari migliorare e aumentare il proprio potere d'acquisto, e questo è il controllo del cibo.

Il governo aveva preso in considerazione il controllo alimentare dal 2021 e ha studiato bene questo progetto prima di attuarlo. Tuttavia, l'assegno alimentare non rientra nella bolletta del potere d'acquisto. In effetti, c'è stata una votazione in cui lo stato ha deciso di dare questo assegno a settembre.

LEGGI  Startup di successo: rivelate le strategie chiave!

Il buono pasto è molto simile al bonus erogato a maggio 2020 così come a novembre dello stesso anno. Tutti i beneficiari del controllo del potere d'acquisto lo saranno liberi nelle loro spese alimentari.

Oltre all'assegno alimentare, nei prossimi mesi potrebbero essere erogati altri aiuti per agevolare l'acquisto di prodotti alimentari biologici, locali e freschi. Questo per incoraggiare le persone a migliorare la loro dieta.

Chi sono le persone interessate dal controllo del potere d'acquisto?

Il controllo alimentare è riservato a:

  • percettori del RSA (Reddito Solidale Attivo);
  • persone che usufruiscono di APL (Assistenza Abitativa Personalizzata);
  • persone in AAH (Disabled Adult Allowance);
  • studenti beneficiari della borsa di studio Crous;
  • Persone ASPA (anzianità minima);
  • studenti in situazione precaria.

Per le suddette persone che usufruiscono di altri aiuti alimentari, beneficeranno solo dell'assegno alimentare solo una volta.

Qual è l'importo della verifica del potere d'acquisto?

L'importo del controllo del potere d'acquisto è 100€ a casa. Inoltre, verranno aggiunti 50€ per ogni figlio a carico. Ad esempio, per una coppia con 3 figli, riceveranno 100€ per il buono pasto e poi 150€ per i tre figli.

Secondo quanto si sa, il progetto dei buoni alimentari è costato circa 1 miliardo di euro. Inoltre, se notiamo attentamente, il controllo del potere d'acquisto è inferiore al premio Covid che è stato pagato nel 2020.

Come verrà pagato l'assegno del potere d'acquisto?

Il buono pasto viene erogato direttamente agli interessati nei loro conti bancari, non dovranno intraprendere alcuna azione per trarne vantaggio. Verrà pagato in un'unica soluzione. Lo scorso settembre, erano i CAF ad essere incaricati di pagare l'assegno alimentare ai beneficiari.

LEGGI  Scopri la formazione "Unique Value Proposition" offerta da HP LIFE

Per quanto riguarda gli studenti che ricevono aiuti dai Crous o borsisti, lo è il CROUS chi si prende cura per pagare loro l'assegno alimentare.

Quali alimenti posso acquistare con il controllo del potere d'acquisto?

Il governo si riunisce difficoltà tecniche per quanto riguarda :

  • l'elenco dei prodotti interessati (ortaggi, frutta, prodotti biologici, ecc.);
  • luoghi di acquisto (mercati, piccoli negozi, supermercati, ecc.);
  • i termini di assegnazione.

Sembrerebbe che l'assegno alimentare sia ispirato buoni pasto, ma che i prodotti preferiti si distinguono dagli altri. Ciò incoraggia quindi le famiglie a basso reddito a consumare prodotti più sani, in particolare frutta e verdura.

Affinché i francesi più poveri possano accedere al cibo migliore, cerchiamo di integrarci cibi locali, che sono di origine vegetale e animale, ma soprattutto non trasformati. Teniamo anche conto della contrapposizione esistente tra i diversi settori agricoli. Idealmente, gli alimenti in questione dovrebbero includere tutto, dalla frutta e verdura biologica a alimenti acquistati in negozio minimamente trasformati che consumiamo quotidianamente.