Se c'è un luogo dove può essere difficile affermarsi, è quello del lavoro.
Non è infatti sempre facile far sentire la propria voce davanti al proprio capo, manager o colleghi.

Quindi, se hai difficoltà a farti sentire al lavoro, ecco come riuscire ad affermarti professionalmente.

Fiducia in se stessi, la chiave per affermare se stessi al lavoro:

Sia che si tratti di un collega, del suo capo o di un cliente, affermare se stessi al lavoro passa inevitabilmente dalla fiducia che si ha in te.
Una buona fede in te faciliterà l'impegno nell'azione e questo ti permetterà di affermarti sul lavoro.
Diventare consapevole delle tue qualità delle tue abilità ti aiuterà a progresso sul lavoro e per far sentire la tua voce.

Devi anche identificare le convinzioni che ti impediscono di trovare il tuo posto nel mondo del lavoro.
Che siano ereditate o acquisite, queste convinzioni ti limitano e bloccano qualsiasi sviluppo professionale.

Spesso, la mancanza di autostima porta a paure.
voi paura di chiedere un aumento al tuo capo, perché temi che lui si rifiuti.
Ma in fondo, è davvero così grave se la risposta è negativa?
Non ti licenzierà perché hai osato chiedere un aumento, sarai ancora vivo dopo il tuo appuntamento.
Devi sapere come relativizzare esplorando la tua paura di fallire.

Per imporre il tuo punto di vista al lavoro:

Non sei un robot, hai un modo di pensare, idee e credenze.
Quindi quanto sei rischioso nel dare la tua opinione?
Non devi cercare di ottenere il sostegno di tutti i tuoi colleghi, perché anche loro hanno il loro modo di vedere le cose.
Se credi in quello che dici, hai poche possibilità di essere respinto o meno amato.
Così dentro incontro, il coraggio di parlare.
È possibile riorientare il dibattito con frasi come "Voglio dire", "Dal mio punto di vista" o "Dalla mia parte".

LEGGI  Imparare ad imparare

Per sapere come dire di no:

Naturalmente, non si tratta di dire no, giusto e sbagliato.
Quando vuoi opporsi a una decisione, il tuo "no" deve essere giustificato.
Per fare questo, prima devi sapere cosa ti ha motivato a prendere questa decisione.
Certo, potrebbe essere necessario andare avanti chiedendo francamente all'interessato le sue ragioni.
Ma ti aiuterà a esprimere la tua opinione ea giustificare in modo motivato la tua opposizione alla decisione impugnata. E questo vale anche davanti al tuo capo.
Ricorda che il tuo capo non è onnipotente, se motivate il vostro disaccordo, può capirlo e ascoltarlo.