Avere un piano di scrittura è come avere un buon progetto prima di entrare in affari o progettare un modello prima di costruire un edificio. Il design precede sempre la realizzazione altrimenti il ​​risultato potrebbe essere molto diverso dall'idea originale. In realtà, iniziare a inventare un piano di scrittura non è una perdita di tempo ma piuttosto un risparmio di tempo perché fare male un lavoro significa doverlo rifare.

Perché avere un piano di scrittura?

Avere un piano è utile, poiché la scrittura di lavoro è un contenuto utile che può avere molteplici scopi. In effetti, il suo scopo può essere informativo, pubblicitario o altro. Il piano ideale dipende dallo scopo del testo. Una scrittura che ha come unico scopo che l'informazione non possa avere la stessa struttura di un altro testo che ha finalità di persuasione e prospettive. Pertanto, la scelta del piano deve rispondere alla domanda sulla natura del destinatario e deve anche tener conto delle questioni.

Le caratteristiche di un buon piano di scrittura

Anche se ogni scatto è specifico, ci sono alcuni criteri comuni a cui ogni scrittura professionale dovrebbe aderire. Si tratta principalmente di ordine e coerenza. Ciò significa che non puoi accumulare tutte le tue idee mescolate insieme, anche se sono tutte pertinenti. Dopo aver elencato tutte le tue idee, devi organizzarle e assegnarle priorità in un ordine che consenta al tuo lettore di vedere la caduta del testo come logica e ovvia. Per fare ciò, la disposizione delle idee dovrà essere progressiva e ben strutturata, il che consente di evidenziare alcuni elementi particolari su cui si desidera attirare l'attenzione.

LEGGI  Quale frase educata dovrebbe seguire la struttura "In attesa..."?

Alla domanda di sapere se possiamo avere un piano universale, la risposta è ovviamente no perché il piano di scrittura segue un obiettivo di comunicazione. Pertanto, non sarai in grado di avere successo nel tuo piano senza prima aver determinato chiaramente il tuo obiettivo comunicativo. Quindi, l'ordine giusto è la definizione degli obiettivi; poi, lo sviluppo del piano secondo questi obiettivi; e infine, la stesura stessa.

Avere un piano in base all'obiettivo da raggiungere

Per ogni tipo di testo esiste un piano adatto. È così che spesso è necessario avere un piano descrittivo quando l'obiettivo prefissato è la descrizione del prodotto o l'opinione su un servizio. Questo è anche il modo in cui sarebbe rilevante scegliere un piano enumerativo per un memorandum, un documento di sintesi o una relazione. Per una presentazione, puoi scegliere un piano dimostrativo e un piano di stile neutro e informativo per minuti. Inoltre, anche il supporto è importante nella scelta del piano. È così che per un'e-mail un piano giornalistico o una piramide rovesciata può spesso fare il trucco.

Altri parametri possono influenzare il contorno come la dimensione del testo. In questo modo è possibile combinare due o tre inquadrature per testi molto lunghi. In ogni caso, il piano deve essere equilibrato sia nella sostanza che nella forma.