Stampa Friendly, PDF e Email

Formule cortesi per rivolgersi a un supervisore

In un contesto professionale, può succedere che inviamo a mail ad un collega dello stesso livello gerarchico, ad un subordinato o ad un superiore. In entrambi i casi, la frase gentile da usare non è la stessa. Per scrivere a un superiore ci sono formule di cortesia ben adattate. Se fatto male, può sembrare piuttosto scortese. In questo articolo, scopri le formule educate da utilizzare per un supervisore.

Quando scrivere in maiuscolo?

Quando ci rivolgiamo a una persona di rango gerarchico più elevato, generalmente usiamo "Mr." o "Ms.". Per mostrare considerazione per il tuo interlocutore, è consigliabile utilizzare la lettera maiuscola. Non importa se la designazione "Signore" o "Signora" è contenuta nel modulo di ricorso o nel modulo finale.

Inoltre, si raccomanda di utilizzare la lettera maiuscola anche per designare nomi relativi a dignità, titoli o funzioni. Diremo quindi, a seconda che si scriva al direttore, al rettore o al presidente, "signor Direttore", "signor Rettore" o "signor Presidente".

Che tipo di cortesia per concludere una mail professionale?

Per concludere un'e-mail professionale quando ci si rivolge a un supervisore, esistono diverse formule di cortesia. Tieni però presente che la formula educata alla fine della mail deve essere compatibile con quella relativa alla telefonata.

Pertanto, è possibile utilizzare espressioni educate per concludere un'e-mail professionale, come: "La prego di accettare signor Direttore, l'espressione dei miei distinti sentimenti" o "La prego di credere, signor Presidente e CEO, nell'espressione del mio profondo rispetto".

LEGGI  Lettere di esempio per richiedere il pagamento per gli straordinari

Per farla breve, esattamente come consiglia la struttura di un'e-mail professionale, puoi anche usare altre espressioni educate come: "Cordiali saluti". È una formula garbata che gratifica molto l'interlocutore o il corrispondente. Mostra chiaramente che lo metti al di sopra della mischia in accordo con il suo status.

Inoltre, è importante sapere che certe espressioni o espressioni di cortesia relative all'espressione dei sentimenti devono essere usate con grande tatto. Questo è il caso quando il mittente o il destinatario è una donna. Di conseguenza, a una donna non è consigliato di presentare i suoi sentimenti a un uomo, nemmeno al suo supervisore. È vero anche il contrario.

Tuttavia, come puoi immaginare, frasi educate come "Cordiali saluti" o "Cordiali saluti" dovrebbero essere evitate. Piuttosto, sono usati tra colleghi.

Tuttavia, non si tratta solo di utilizzare correttamente le formule educate. Dovresti anche prestare particolare attenzione all'ortografia e alla grammatica.

Inoltre, dovrebbero essere evitate le abbreviazioni, così come certe espressioni errate come: “Lo apprezzerei” o “Per favore, accetta…”. Piuttosto, è meglio dire "Lo apprezzerei" o "Per favore accetta...".