La vita professionale è fatta di colpi di scena, scelte e opportunità. Ma quando si mette in discussione il significato che si dà al proprio lavoro, una riqualificazione può allora segnare l'inizio di un rinnovamento e di una crescita professionale e personale. Finché lo prepari bene.

Dopo diversi anni passati nello stesso settore, nella stessa azienda o nella stessa posizione, si avverte una certa stanchezza. E quando il significato che diamo alla nostra vita professionale non è più scontato, a volte è tutto un equilibrio che si sgretola. Poi arriva il momento della riflessione e del desiderio di riconversione. Lungi dall'essere considerato un fallimento, non va comunque preso alla leggera: per avere successo, una riqualificazione professionale deve essere ben preparata.

« Quando non ti senti bene con il tuo lavoro, ci sono buone possibilità che porti a casa questo disagio e queste preoccupazioni ", decifra Elodie Chevallier, ricercatore e consulente indipendente. È quindi necessario porre le domande giuste. La mia attività è coerente con i miei valori? L'ambiente in cui lavoro mi stimola?

« Cosa serve

 

Continua a leggere l'articolo sul sito originale →

LEGGI  9 ottobre 2020 Per le aziende con 50 o più dipendenti, finanziamento dedicato