L'assertività è una risorsa importante sia nella vita di tutti i giorni che sul posto di lavoro. Nel mondo del lavoro, un alto tasso di assertività vi porterà un vantaggio considerevole, soprattutto se si sono incaricati di file importanti. Per comprendere meglio le basi dell'assertività e il suo impatto sulla comunicazione aziendale, ti invitiamo a seguire il nostro articolo fino alla fine.

Cos'è l'assertività?

La parola assertività viene dall'assertività nata in Inghilterra, un concetto iniziato dallo psicologo di New York Andrew SALTER in 1950. Joseph Wolpe ha sviluppato questo concetto definendolo come una "libera espressione di tutte le emozioni nei confronti di una terza parte, ad eccezione dell'ansia".

L'assertività è un modo di esprimere la consapevolezza di sé senza alterare gli altri, e questo in modo diretto. D'altra parte, l'assertività si oppone ai tre atteggiamenti tipicamente umani di fuga, manipolazione e aggressività. Questi portano a una cattiva comunicazione e causano tensioni, conflitti tra gli interlocutori, incomprensioni e perdita di tempo.

Differenza con l'autocontrollo?

L'assertività differisce dall'autocontrollo in quella parte della sua definizione che implica l'autoaffermazione. È quindi importante riconoscere se stessi e accettare se stessi come siamo. Nel senso opposto, l'autocontrollo significa andare contro la propria autocoscienza e bisogni, specialmente se uno è impulsivo, pauroso, pauroso o altro. Si tratta quindi di scegliere una reazione innaturale alle proprie emozioni, valori, personalità ...

LEGGI  La critica costruttiva lo emette, lo riceve.

Assertività e comunicazione non verbale

L'assertività dovrebbe corrispondere anche alla tua comunicazione non verbale. Quando ti rivolgi a una persona, il tuo messaggio viene ascoltato al 10% grazie alle parole e il resto è principalmente questione di atteggiamento, gestualità e intonazione della voce. Pertanto, è importante non commettere l'errore di concentrarsi solo sul messaggio orale poiché anche la forma è importante sia nella presentazione che nella comunicazione in generale.

Padroneggiare il non verbale richiede molti esercizi, perché dipende da alcuni fattori come la frequenza cardiaca, la carnagione, la dilatazione delle pupille ... Quindi, per assicurare un'armonia tra il verbale e il non verbale, la soluzione ideale per qualsiasi il mondo sarebbe sincero sull'argomento. Questa armonia è chiamata congruenza.

La congruenza garantisce l'instaurazione di uno scambio di qualità. Una comunicazione priva di congruenza significa quindi manipolazione. Quest'ultima forma di comunicazione, tuttavia, richiede una notevole quantità di energia per mantenere il suo interlocutore in una visione molto precisa. Da qui la confusione tra i termini "comunicazione", "potere persuasivo" e "manipolazione".

Comunicazione o relazione

La comunicazione è lo scambio tra due interlocutori, ma tutto lo scambio non è comunicazione. Pertanto, è anche importante stabilire il significato esatto di questo termine, che è stato recentemente utilizzato in situazioni che non sono realmente in accordo con la sua vera definizione.

Essere un buon comunicatore, infatti, significa anche avere la capacità di aprirsi al suo interlocutore, con l'obiettivo di discernere meglio le sue esigenze e non presentare le sue idee come le uniche con diritto di citazione. C'è quindi una reale differenza tra una parvenza di comunicazione e propaganda commerciale o di altro tipo che è spesso manipolazione malsana e il cui scopo è costringere il pubblico ad adottare un'idea.

LEGGI  Intelligenza emotiva al lavoro

In questo caso, la manipolazione è la prova dell'istituzione di una relazione, tra due individui, basata esclusivamente sull'interesse che ciascuno può fornire all'altro. In generale, questa relazione offre vantaggi a uno a discapito dell'altro.

Assertività contro la manipolazione

Quando un venditore vende un prodotto senza realmente conoscere le reali esigenze dei suoi clienti, ma solo allo scopo di vendere i suoi prodotti, possiamo dire che c'è una manipolazione. In questo caso, il cliente deve sapere come essere relativamente assertivo facendo conoscere i suoi bisogni e problemi e scegliere solo i prodotti che li soddisfano. Per evitare questo tipo di problema, qualsiasi azienda deve concentrarsi sulle esigenze dei propri clienti prima di proporre i propri servizi o prodotti. Altrimenti, è difficile convincerli onestamente ad appropriarsi degli oggetti in vendita.

Se sei così tentato di usare la manipolazione per vendere un prodotto o un'idea, aumenta la tua capacità di essere sensibile a diverse situazioni o eventi. Riguarda la tua capacità di aprirti alla persona con cui stai parlando e di riconoscere le tue esigenze indipendentemente da dove ti trovi. Significa adottare una visione in "dimensioni 4", quelle dello spazio e quelle del tempo. Questo è per tenere in considerazione il suo passato, il posto che ha ricoperto e che tiene ...

I passi da seguire per una buona comunicazione

          ascoltare

Sia che lavori nei servizi di assistenza o nei dipartimenti di ospitalità di un'azienda, non commettere l'errore di tagliare la parola di un cliente per rispondere immediatamente e risparmiare tempo. Dagli l'opportunità di spiegare il suo problema o perché preferisce scegliere un prodotto piuttosto che un altro. Quindi, quando vuoi offrire un altro prodotto o una soluzione, sarà più incline a ricevere e accettare le tue idee. Mentre una persona arrabbiata le rifiuterà sistematicamente.

LEGGI  Migliora la tua comunicazione interpersonale al lavoro

          esprimere

Una persona assertiva può esprimere la propria autocoscienza o affermarsi. Alcuni lo fanno facilmente, altri no. In questo secondo caso, la frustrazione può essere tale da diffondersi in tutto il corpo e generare risentimento e rabbia. Il meglio è quindi esprimere direttamente ciò che si pensa senza allontanarsi dal soggetto e senza attaccare il suo interlocutore.

          Accetta e rispondi ai resi

Nessuna idea è perfetta, tutti hanno un difetto. Il più delle volte, sono i nostri interlocutori a notare questo difetto. Accogliere l'idea degli altri implica un desiderio di miglioramento o apertura a nuove idee. L'errore sarebbe negare le imperfezioni di tutti e limitarsi alle proprie idee originali.

Lo stile di comunicazione che hai attualmente è il risultato di molti anni di abitudine. Inoltre, si aspetti di dover praticare un certo periodo di tempo prima di padroneggiare i principi di assertività. La sfida più grande è imparare come ascoltare in modo efficace per identificare i tuoi bisogni, imparerai gradualmente a rispondere senza agire in modo aggressivo. Quindi, l'assertività è il giusto equilibrio tra comportamento passivo e comportamento aggressivo.