Lavoro straordinario: principio

Lo straordinario è il numero di ore lavorate oltre l'orario di lavoro legale di 35 ore (o tempo considerato equivalente) per un dipendente a tempo pieno.

Lo straordinario dà luogo a un aumento di stipendio. Tale incremento è previsto da un contratto aziendale o, in mancanza, dal contratto di filiale. Il contratto aziendale ha la precedenza sul contratto di filiale. I tassi di maggiorazione non possono essere inferiori al 10%.

In assenza di una previsione contrattuale, lo straordinario dà luogo ad un aumento salariale di:

25% per le prime 8 ore di straordinario; 50% per le ore successive. Straordinari: non danno solo origine a una retribuzione premium

Lo straordinario dà diritto ad un aumento di stipendio o, ove applicabile, a un equivalente riposo compensativo (Codice del lavoro, art. L. 3121-28).

La busta paga indica il numero di ore di lavoro a cui si riferisce lo stipendio. In caso di lavoro straordinario, è necessario distinguere sulla busta paga le ore retribuite a tariffa normale e quelle che prevedono una maggiorazione per lavoro straordinario (Codice del lavoro, art. R. 3243-1).

Il pagamento del premio no

Continua a leggere l'articolo sul sito originale →

LEGGI  Aiuti di Stato eccezionali: sostegno alle ferie retribuite per i settori più colpiti dalla crisi sanitaria