Le risorse umane e i requisiti di know-how variano notevolmente da un'azienda all'altra. Se queste esigenze non vengono soddisfatte, all'interno dell'azienda possono sorgere strozzature di sviluppo a breve o lungo termine. Da qui la necessità di iniziare la formazione studio-lavoro o addirittura la riqualificazione. Aggiornamento su riconversione o promozione studio-lavoro (Pro-A). Un dispositivo che ti permetterà di migliorare la tua carriera. Sta a te fare sforzi per dimostrare la tua volontà di allenarti. Ci sono poche possibilità che tu sia selezionato per puro caso.

 Comprendere la riqualificazione o la promozione in alternanza

È un modo per aggiornare eventuali collegamenti deboli o occupare posizioni chiave nel processo di sviluppo aziendale. In altre parole, qualsiasi azienda deve trasformarsi per soddisfare le molteplici esigenze imposte dalla tecnologia, dal marketing e dai consumatori.

Ogni azienda ha quindi interesse a preparare tutti i suoi dipendenti a questo scopo.

La riqualificazione o la promozione dello studio del lavoro aiutano qualsiasi azienda ad adattare la propria unità produttiva a qualsiasi sfida. Da un lato, il Pro-A è uno strumento redditizio per l'imprenditore in cerca di nuove competenze.

D'altra parte, garantisce la carriera professionale dei dipendenti che ne beneficiano. Permette di esercitare una nuova professione in vista di un progetto di transizione professionale. I dipendenti troveranno lì un riorientamento professionale vantaggioso per la loro carriera e il loro futuro professionale.

LEGGI  Trasporti in Francia

In questo modo, una volta completate le sessioni di formazione o conversione, i dipendenti ricevono una promozione sociale o professionale. E l'obiettivo finale è raggiunto: riuscire nel progetto di sviluppo all'interno dell'azienda e aumentare la sua produzione a lungo termine.

Quali profili professionali hanno accesso alla promozione dello studio del lavoro?

Il candidato dipendente deve avere un contratto CDI. Ai sensi dell'articolo L. 5134-19 ea seguito del Codice del lavoro, possono seguire tale formazione anche coloro che hanno sottoscritto il contratto unico di integrazione o CUI. Il dipendente che desidera essere promosso nell'ambito della Pro-A. Deve avere un livello di istruzione inferiore a una laurea.

Il dipendente che esercita parzialmente la sua professione in seguito all'autorizzazione dell'amministrazione può proporre alternativamente la sua candidatura alla promozione. Anche un atleta o un allenatore professionista con contratto CDD può beneficiare di questa promozione. In generale, si tratta di dipendenti con qualifiche inferiori allo standard richiesto dallo sviluppo tecnologico.

Pertanto, i dirigenti dell'azienda li consentiranno tramite Pro-A. Adattamento ai cambiamenti in atto all'interno dell'azienda. Al termine delle azioni di formazione, otterranno un migliore livello di qualificazione. Ciò consentirà loro di accedere a una promozione oa una posizione più invidiabile.

Quali tipi di allenamento durante la Pro-A?

I dipendenti selezionati per questa formazione seguiranno in teoria corsi professionali e tecnologici che dovranno mettere in pratica in seguito. A seconda delle qualifiche desiderate, verranno svolti stage in condizioni pratiche corrispondenti. Pertanto, gli studenti nell'ambito di Pro-A possono ricevere una classificazione riconosciuta da un contratto collettivo di ramo.

LEGGI  Come funzionano gli straordinari

Questi impiegati studenteschi sfruttano i tirocini e altre opportunità di volontariato per compiti tecnici o specifici. Al termine della formazione Pro-A, beneficeranno della convalida dell'esperienza acquisita (VAE). Saranno inoltre registrati con l'RNCP (Elenco nazionale delle certificazioni professionali).

Infatti, dal 23 agosto 2019, data di attuazione dell'ordinanza n ° 2019-861, si può beneficiare di una qualifica professionale grazie alla Pro-A. Si tratta di una qualifica appartenente all'elenco definitivo di un ramo professionale. Pro-A può essere sviluppato a causa dell'esistenza di tecniche obsolete e di grandi cambiamenti in qualsiasi ramo professionale.

Come si svolge la formazione basata sul lavoro?

La formazione può essere svolta durante l'orario di lavoro. Il dipendente viene quindi pagato mensilmente. Un dipendente più esperto, nominato dal responsabile aziendale, svolge il ruolo di tutor e quindi fornisce formazione lavoro-studio per farlo. Il tutoraggio, nell'ambito di Pro-A, dura da 6 mesi a 12 mesi (o 150 ore minimo).

Il tutor accoglierà e guiderà il dipendente durante la sua riqualificazione o formazione. Spetta a questo tutor pianificare il suo programma e le sue attività per insegnare tutte le tecniche desiderate. Lo stesso tutor prenderà parte alla fase finale del follow-up formativo: la sua valutazione.

La Pro-A può svolgersi al di fuori dell'orario di lavoro. In questo caso il beneficiario non riceverà alcuna indennità di formazione. L'orario di lavoro può essere interamente o parzialmente dedicato alle sessioni di formazione. Il datore di lavoro e il lavoratore interessato devono decidere insieme, dopo la stesura di un accordo da parte del tirocinante.

LEGGI  Tasse per gli stranieri in Francia

Durante questo periodo, il contratto di lavoro del dipendente includerà un emendamento. Tuttavia, continua a godere di tutti i benefici legati alla previdenza sociale o alla compagnia di assicurazione sanitaria complementare dell'azienda. Ad esempio, potrebbe avere rimborsi e sostegno in caso di malattia.

Da dove provengono i finanziamenti per la Pro-A?

Prendere una formazione studio-lavoro significa accettare un incarico professionale. I dipendenti con accesso alla formazione legata al lavoro non possono essere tenuti a pagare nulla. È piuttosto l'operatore di competenza (OPCO) o la società (a condizione che tu abbia un servizio di formazione) che finanzia tutto.

Si tratta di una tariffa forfettaria che copre i costi di formazione, alloggio e trasporto per il dipendente studio-lavoro. La tariffa forfettaria in questione è di 9,15 euro l'ora di default secondo il decreto. Tuttavia, il ramo responsabile della formazione può prevedere una migliore compensazione.

La remunerazione dei dipendenti in formazione può essere garantita dall'operatore di competenza se la branca professionale che ha avviato la pianificazione in anticipo. L'operatore può anche pagare tutti i servizi del tutor aziendale.

Può assumere i costi relativi all'esercizio del servizio tutorial sempre nell'ambito di Pro-A. È la quota di fondi dedicata alla formazione Pro-A soggetta alla gestione di una mutua società che consente di remunerare questi dipendenti alternati e questi tutor incaricati di svolgere attività di riqualificazione o Pro-A. Questa è un'occasione da non perdere.