Stampa Friendly, PDF e Email

Straordinario: onere della prova condiviso

L'onere della prova dell'esistenza dello straordinario non grava solo sul dipendente. L'onere della prova è condiviso con il datore di lavoro.

Pertanto, in caso di controversia sull'esistenza di ore di straordinario, il dipendente presenta, a sostegno della sua richiesta, informazioni sufficientemente precise in merito alle ore non retribuite che dichiara di aver lavorato.

Questi elementi devono consentire al datore di lavoro di rispondere producendo i propri elementi.

I giudici del processo formulano la loro condanna tenendo conto di tutti gli elementi.

Lavoro straordinario: elementi sufficientemente precisi

In una sentenza del 27 gennaio 2021, la Corte di Cassazione ha appena chiarito la nozione di “elementi sufficientemente precisi” che il dipendente produce.

Nel caso deciso, il dipendente ha chiesto in particolare il pagamento degli straordinari. A tal fine ha prodotto un rendiconto dell'orario di lavoro che ha indicato di aver compiuto nel periodo considerato. Questo conteggio menzionava giorno dopo giorno, le ore di servizio e di fine servizio, nonché i suoi appuntamenti professionali con la menzione del negozio visitato, il numero di ore giornaliere e il totale settimanale.

Il datore di lavoro non aveva fornito alcuna informazione in risposta a quelle prodotte dal dipendente ...

Continua a leggere l'articolo sul sito originale →

LEGGI  Stagisti di formazione professionale meglio retribuiti