Un dipendente riceve in cambio del suo lavoro o di un servizio, uno stipendio. Questo è lo stipendio lordo. Dovrà pagare dei contributi che verranno detratti direttamente dal suo stipendio. L'importo che riceverà effettivamente è lo stipendio netto.

Cioè : Salario lordo meno contributi = salario netto.

Per essere più precisi, ecco come viene calcolato lo stipendio lordo:

La retribuzione lorda è il numero di ore lavorate moltiplicato per la tariffa oraria. È inoltre necessario aggiungere eventuali straordinari, bonus o commissioni che sono fissati liberamente dal datore di lavoro.

Contributi

I contributi dei dipendenti sono le trattenute effettuate sulla retribuzione e che permetteranno di finanziare le prestazioni sociali:

  • Disoccupazione
  • Ritiro
  • Pensione complementare
  • Assicurazione sanitaria, maternità e morte
  • Assegni familiari
  • Infortunio sul lavoro
  • Assicurazione sulla pensione
  • Contributo alla formazione
  • Copertura sanitaria
  • Alloggiamento
  • Povertà

Ogni dipendente paga questi contributi: lavoratore, dipendente o dirigente. Sommandoli, rappresentano dal 23 al 25% circa dello stipendio. L'azienda paga anche questi stessi contributi da parte sua, è la quota del datore di lavoro. I contributi del datore di lavoro sono dovuti da tutte le imprese industriali, artigianali, agricole o liberali. Il datore di lavoro paga queste 2 quote all'URSSAF.

Questo metodo di calcolo è valido anche per i dipendenti part-time. Pagheranno gli stessi contributi, ma in proporzione all'orario di lavoro.

LEGGI  L'importo, le persone interessate e il pagamento dell'assegno di potere d'acquisto

Come puoi vedere, questo calcolo è piuttosto complesso, perché dipenderà dal tipo di azienda in cui sei impiegato e dal tuo status.

Salario netto

Lo stipendio netto rappresenta lo stipendio lordo dedotto dai contributi. Quindi, dovrai detrarre nuovamente l'imposta sul reddito. La somma esatta che ti verrà corrisposta viene quindi chiamata stipendio netto da pagare.

In sintesi, lo stipendio lordo è lo stipendio prima delle tasse e lo stipendio netto è quello ottenuto una volta sottratte tutte le spese.

Servizio pubblico

I contributi dei dipendenti pubblici sono molto più bassi. Rappresentano circa il 15% dell'importo dello stipendio lordo (invece del 23-25% nel settore privato).

E per gli apprendisti?

Lo stipendio di un apprendista è diverso da quello di un lavoratore dipendente. Riceve infatti una retribuzione in base alla sua età e alla sua anzianità all'interno dell'azienda. Riceve una percentuale dello SMIC.

I giovani sotto i 26 anni e con contratto di apprendistato non pagano i contributi. Lo stipendio lordo sarà quindi pari allo stipendio netto.

Se lo stipendio lordo dell'apprendista è superiore al 79% dello SMIC, i contributi saranno dovuti solo per la parte che supera questo 79%.

Per contratti di tirocinio

Molti giovani sono impiegati in stage e sono remunerati non con uno stipendio, ma con quella che viene chiamata una gratuità di stage. Questo è anche esente da contributi se non supera la franchigia Social Security. Oltre a ciò, pagherà alcuni contributi.

LEGGI  I diversi tipi di congedo, quando e come trarne vantaggio?

Non dimentichiamo i nostri pensionati

Parliamo anche di pensione lorda e pensione netta per i pensionati poiché anche loro contribuiscono e sono soggetti ai seguenti contributi previdenziali:

  • Il CSG (Contributo Sociale Generalizzato)
  • Il CRDS (Contributo per il Rimborso del Debito Sociale)
  • CASA (Contributo Aggiuntivo di Solidarietà per l'Autonomia)

Ciò rappresenta circa il 10% a seconda del lavoro svolto: lavoratore, dipendente o manager.

La pensione lorda meno i contributi diventa la pensione netta. Questo è l'importo effettivo che raccoglierai sul tuo conto bancario.

Lo stipendio lordo e netto dei dirigenti

Quando hai lo status di dirigente, l'importo dei contributi è superiore a quello di un lavoratore o dipendente. Occorre infatti aggiungere queste poche nozioni:

  • La percentuale detratta per le pensioni è più alta
  • Un contributo all'APEC (Associazione per l'Impiego dei Dirigenti)
  • Un contributo CET (Contributo Eccezionale e Temporaneo)

Pertanto, per i dirigenti, la differenza tra lo stipendio lordo e lo stipendio netto è maggiore rispetto agli altri dipendenti con uno status diverso.

Questa piccola tabella chiarissima vi spiega in poche cifre e in modo concreto la differenza tra lo stipendio lordo e lo stipendio netto delle diverse categorie professionali. Sarà utile per una migliore comprensione:

 

Categoria Costi salariali Retribuzione lorda mensile Remunerazione netta mensile
contesto 25% 1€ 1€
Non esecutivo 23% 1€ 1€
Liberale 27% 1€ 1€
servizio pubblico 15% 1€ 1€